Ti informiamo che questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. 

Copyright 2019 - realizzato da Anna FERRARI

 

NUOVO

APPUNTI DI STORIA DELLA TV

Nascita e declino della neotelevisione in Italia.

La cultura pubblicitaria berlusconiana

 

Martedi B: h: 16-18

Date: 13/11 - 27/11 - 11/12/18 - 8/1/19 - 22/1 - 5/2 - 19/2 - 5/3 - 19/3 - 2/4 - 16/4 - 7/5

 

Coordinatore: prof. Federico REPETTO, docteur de 3ème cycle en Sciences de l’Information et de la Communication, insegnante di filosofia e storia nei licei italiani

 

Il corso ripercorre la storia delle tv commerciali via etere dalle loro origini alla loro decrescita nell’età di Sky e di Internet. Vuol offrire strumenti di riflessione storica sulla base della sociologia della comunicazione, ripercorrendo, anche in video, momenti chiave della nostra società dello spettacolo. La storia della tv sarà vista in relazione con gli sviluppi sociali, politici, culturali e pedagogici del paese, attingendo anche alla competenza di telespettatori dei partecipanti al corso. Le ultime lezioni saranno dedicate all’età della convergenza tra la tv e i media online.
Il Prof. Repetto è l'autore del saggio "Cultura pubblicitaria e berlusconismo" edito da Aracne. Il primo capitolo dell'opera è a vostra disposizione cliccando qui.

Argomenti del corso:

  • La paleotelevisione: la Rai tra il 1954 e il 1976, e i suoi effetti sulla cultura popolare italiana
  • Le caratteristiche della televisione commerciale americana (lineamenti di sociologia della comunicazione televisiva: Barnouw, Meyrowitz, Postman)
  • Confronto -in prospettiva storica- tra la comunicazione televisiva e il mondo dei social network (il discorso sarà ripreso nelle lezioni 9-12)
  • La neotelevisione commerciale in Italia negli anni 80 (secondo Umberto Eco e Francesco Casetti)
  • La strategia commerciale e finanziaria di Berlusconi, e l’affermazione del duopolio Rai-Fininvest
  • Berlusconi personaggio pubblico nella cultura popolare degli anni 80
  • La pubblicità domina il palinsesto: casalinghe, famiglie unite, giovani di Italia1; “Amici” e dintorni
  • La neotelevisione fa (apertamente) politica: le elezioni del 1994 e i referendum del 1995
  • L’era di Sky e di Internet: il declino del palinsesto e della cultura pubblicitaria
  • La politica spettacolo in tv e sui social: Berlusconi, Grillo, Renzi, Salvini
  • La pubblicità su Internet; Internet e i big data (Federico Rampini, Evgeny Morozov)
  • Internet, il potere della Rete, la democrazia in rete (Manuel Castells, Fabio Chiusi)

La scelta degli argomenti potrà eventualmente essere discussa con gli studenti di volta in volta. Mi sembrerebbe anche utile e dilettevole proiettare e commentare video da essi proposti.

 

INDIRIZZO
f t g m